Melone

Eurozine | The Muslim Woman

Di solito leggo Eurozine per cose media-related. Oggi scopro ‘Post-secular Europe?‘, approfondimento su secolarismo e religione in Europa. C’è anche ‘The Muslim Woman’, un lungo essay di Lila Abu-Lughod sul Velo, l’Islam, l'”Occidente”, la Donna e sul colonialismo che non muore mai. Non è la prima volta che cito Abu-Lughod e non ho intenzione di smettere: la sua è una delle analisi più lucide. Per questo faccio mia la conclusione di questo essay e la riporto qui di seguito, a mò di posizione ufficiale del blog:

It seems to me[lone] that if we are concerned about women, including Muslim women, maybe we can work at home to make US and European policies more humane. If we want to be active in the affairs of distant places, maybe we should do so in the spirit of support for those within the communities whose goals are to make women’s (and men’s) lives better. Whatever we do, we should begin with respect and think in terms of alliances, coalitions, and solidarity, rather than salvation, or pity. Above all, we need to resist the power of the limited and limiting black and white images of Muslim women that circulate in our midst.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Informazione

Questa voce è stata pubblicata il 22/03/2010 da in Evidentemente oppresse, Note con tag , , , , .

Categorie

Archivio

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: